Author : Riccardo Petricca

HomeArticles Posted by Riccardo Petricca (Page 17)
Read More
download (1)

La Pastorale Digitale a Firenze2015

In occasione del Convegno Ecclesiale di Firenze 2015 (9-13 Novembre) la Pastorale Digitale vuole dedicare durante tutta la settimana ma anche nei 15 giorni precedenti e successivi un’apposita rubrica di approfondimento con articoli, foto, interviste direttamente da Firenze ai protagonisti di questo importante evento. Inviati direttamente da Firenze che ci informeranno in tempo reale di tutto quello che avviene…

www.firenze2015.it

Read More
Pastorale Digitale Famiglia

LIBERO E FEDELE

A qualche giorno dalla chiusura del Sinodo, durante l’udienza generale in piazza San Pietro di mercoledì 21 ottobre papa Francesco salutando i fedeli ha raccomandato: “Preghiamo per intercessione di san Giovanni Paolo II che il sinodo dei vescovi, che sta per concludersi, rinnovi in tutta la Chiesa il senso dell’innegabile valore del matrimonio indissolubile e della famiglia sana, basata sull’amore reciproco dell’uomo e della donna e sulla grazia divina”.
Il pontefice ha parlato del rapporto di coppia affermando: “L’amore è libero, questa è la bellezza: non può esserci amicizia, né amore, né matrimonio senza libertà”. Libertà e fedeltà, ha detto, “non si oppongono ma si sostengono”, sottolineando che “non si può costringere con la forza” e “neppure custodire senza sacrificio”.

C’è da ritenere utile chiarire bene il senso, inteso come il significato più profondo di alcuni termini di cui fa uso Papa Francesco. Bergoglio parla di Libertà, un termine che volutamente scrivo con la maiuscola poiché troppo spesso, attualmente, viene utilizzato in maniera impropria ed abusiva. Che cosa significa Libertà in un rapporto d’amore?

Certamente la libertà equivale ad una scelta consensuale e reciproca da parte di ambedue le parti che costituiscono la coppia ad unirsi in matrimonio. Non solo. Una scelta veramente libera è una scelta consapevole, autentica, cosciente su ciò che si sta per fare, sul passo importante che si decide di compiere. Si ha libertà se si ha conoscenza. Una scelta davvero libera è una scelta non casuale ma consapevole, che richiede la conoscenza profonda delle caratteristiche, delle qualità, delle capacità, delle virtù, dei pregi e dei limiti propri e della persona che diverrà nostro marito o nostra moglie.

La Libertà in un rapporto ti consente di vivere appieno il rapporto d’amore perché è ciò che liberamente senti ed hai intrapreso. Spesso, da fidanzati, si incorre nel rischio di sottovalutare la conoscenza reale e profonda del partner. Bisogna eludere il rischio della scelta sbagliata del futuro coniuge credendo esclusivamente che questi ci sia stato posto innanzi da Dio. Se è vero che Dio traccia un piano per l’uomo servendosi anche di incontri, di persone precise, è anche vero che ad un certo punto spetta a noi decidere, compiere le scelte assumendone gli impegni ed i sacrifici che una scelta definitiva comporta.

Tipicamente, durante il periodo del fidanzamento si vive soprattutto un coinvolgimento dovuto all’attrazione fisica e non manca il tempo per lo svago, le passeggiate, i divertimenti, ecc. ma è indispensabile riservare parte di questo tempo prezioso per dedicarsi alla conoscenza e alla preghiera condivise. Il matrimonio è un impegno serio e definitivo. E per portarlo avanti occorre mettere in campo indispensabili capacità umane unite certamente alla grazia.

Senza queste cose difficilmente un matrimonio sopravviverà. Senso di responsabilità, spirito di sacrificio, donazione. Occorre saper condividere i momenti difficili e superarli, saper stare accanto all’altro e sostenerlo nel momento della prova, della malattia, ma anche saper affrontare insieme i periodi di difficoltà economica, materiale e superare i periodi di crisi spirituale e coniugale. Occorre avere la volontà di portare avanti l’impegno per la vita non soltanto nei momenti di serenità e gioia ma anche e soprattutto quando la vita riserva qualche amarezza. Occorre maturare buone competenze genitoriali e poter essere dei punti di riferimento validi, costruire un nucleo familiare sano ed armonioso, realizzando una prima piccola Chiesa.

Fortezza, costanza, volontà, determinazione, resilienza, rinuncia. Amare vuol dire essere pronti a sacrificare se stessi, essere pronti a rinunciare al proprio egoismo per un amore più grande, che è quello dello sposo/ della sposa, che è quello della coppia unita a Dio. Amare vuol dire prendersi cura, avere fiducia, saper scorgere il lato positivo anche nelle situazioni drammatiche per superarle ed uscirne più forti di prima. È lo stesso amore che univa Dio al popolo d’Israele, è lo stesso amore di Gesù per la Chiesa. Ed è Fedele, indissolubile.

È chiaro che se una coppia è salda e forte dipende anche dalla volontà di entrambi di portare a termine l’impegno contratto. Ma siamo sicuri che la volontà decide ancora? Personalmente mi viene da ridere quando certi avvocati divorzisti (che probabilmente “campano di quello”) parlano di “vizio di volontà”… Ma come? Sarebbe il caso di chiedersi:” Ma quando il sacerdote all’altare ti domanda: “Lo vuoi?… Tu, lo vuoi o non lo vuoi?!

Veniamo all’altra parola utilizzata dal Papa: la Fedeltà.

Quando viene a radicarsi nell’intimo delle coscienze la convinzione che un matrimonio, ossia il vincolo inviolabile e “sacro”, ma anche giuridico e pubblico, venuto a instaurarsi tra un uomo e una donna, possa essere semplicemente sciolto per qualsiasi ragione, anche la più banale (es. è finito l’amore), le conseguenze sul piano etico-pratico sono molteplici e tutte ad “effetto domino”.

Se, infatti, è lecito ad un uomo e una donna unirsi e separarsi, separarsi e riunirsi con una molteplicità indefinita di partners, secondo il principio gnostico del “solve et coagula”, quale principio etico potrà essere opposto alla perversa volontà di due (o più) uomini, di due (o più) donne che pretendono di essere riconosciuti come “famiglia” o ancor peggio come “matrimonio”? Quale bastione potrà difendere il bene morale?

Vorrei sottolineare, infatti, che il Papa parla di famiglia sana nell’ambito di un matrimonio tra un uomo ed una donna e non tra due persone dello stesso sesso.

Non è stato detto che quando una coppia omosessuale chiede (come sta accadendo riguardo le attuali leggi per i diritti civili) di costituire un nucleo familiare generando dei figli mediante il sistema dell’utero in affitto, entriamo nel campo della misoginia: tali uomini rifiutano la donna come partner ma se ne servono ai fini della procreazione…!
In tal modo un figlio non è più un dono di Dio ma una merce acquistata secondo i gusti e secondo l’egoismo degli uomini.

In qualche misura sia che parliamo di divorzio fra un uomo e una donna, sia che parliamo di pseudo “matrimonio” fra persone dello stesso sesso, il principio liberale e sentimentale è il medesimo: l’amore libero. Ossia quel sentimento sregolato che rigetta ogni regola morale che costringa l’individuo a praticare, anzitutto, la virtù della fortezza. “Esercitando la fortezza si apprende da una parte a resistere al male cioè al piacere facile, propriamente detto “concupiscibile” e dall’altra a desiderare il bene, ossia il piacere arduo, quello che richiede sacrificio, sforzo, mortificazione, virilità propriamente detto “irascibile”.

Inoltre, la disinibizione delle tendenze della concupiscenza, alimentate dal pan-erotismo che ci soverchia, affligge e soffoca la fondamentale virtù della temperanza, entro la quale rientra la splendida e tutta cristiana virtù della castità anche detta “purezza”.  “Essa è quella forza interiore capace di negare a se stesso i piaceri disordinati della sessualità, meglio ancora, la castità è “la virtù soprannaturale che modera l’appetito sessuale. È una virtù veramente angelica, perché rende l’uomo simile agli angeli, ma è delicata e difficile”.

Ora, è statisticamente provato che la maggior parte delle separazioni e dei divorzi non sono causati da violenze o maltrattamenti (ampi studi sono dedicati all’argomento), bensì da tradimenti e, confessano gli stessi divorziati, dall’ estinzione della passione degli inizi, divenuta sterile abitudine, se non fredda indifferenza. In fondo queste manifestazioni apparentemente così diverse hanno la medesima radice: la lussuria e l’amore di sé (a scapito dell’amore “in sé”, quello tanto meditato da Kant).

La storia dei seguaci di Cristo è sufficientemente eloquente: incomincia con una decapitazione. Giovanni il Battista, il primo martire, viene ucciso per testimoniare la verità dell’indissolubilità del Matrimonio e condannare il peccato d’adulterio. “Così – dice dom Guéranger – finì il più grande dei nati di donna, (Mt. 11, 11) senza testimoni, nella prigione di un tiranno di second’ordine, vittima della più vile delle passioni, prezzo di una danzatrice. Piuttosto che tacere davanti al delitto, sia pure senza speranza di correggere il colpevole, piuttosto che rinunciare alla sua libertà, anche se già in catene, la Voce del Verbo preferisce morire. Bella libertà della parola dice san Giovanni Crisostomo, quando è veramente libertà del Verbo di Dio, quando per essa vibra quaggiù l’eco dei colli eterni! Essa è allora lo scoglio della tirannia, la salvaguardia del mondo, dei diritti di Dio e dell’onore del popolo, degli interessi temporali e di quelli eterni. La morte non prevale contro di essa: al misero assassino del Battista, a tutti coloro che vorranno imitarlo, fino alla fine del mondo, mille bocche diranno, ad una voce, dappertutto: Non ti è permesso possedere la moglie di tuo fratello!”

– Angela Taglialatela

Read More
Pastorale Digitale Policoro

660mila euro per servizi finanziari e di accompagnamento a favore di microimprese femminili

Comune di  Sora

Ufficio Stampa

Corso Volsci 111 03039 SORA (Fr)

Tel. 0776 828218

http://www.comune.sora.fr.it e-mail ufficiostampa@comune.sora.fr.it

COMUNICATO STAMPA

 

 

660mila euro per servizi finanziari e di accompagnamento a favore di microimprese femminili

 

La Regione Lazio ha pubblicato l’avviso pubblico “Servizi finanziari e di accompagnamento a favore di Microimprese Femminili”. L’obiettivo è sostenere il lavoro autonomo femminile, in forma singola o associata, con particolare riferimento alle donne in condizioni di svantaggio occupazionale, disoccupate di lunga durata, over 50, immigrate o fuoriuscite dal mercato del lavoro. Sono previsti incentivi per progetti imprenditoriali per donne con maggiori difficoltà di inserimento o reinserimento lavorativo e per favorire la conciliazione vita lavoro nelle imprese. L’Assessore alle Pari Opportunità Maria Paola D’Orazio invita le interessate a sfruttare questa preziosa opportunità, presentando domanda entro e non oltre le ore 12 del 30/10/2015.

Il bando è aperto alle micro imprese femminili, da costituire o già costituite da non più di 36 mesi al momento della presentazione della domanda, con sede legale o almeno una sede operativa, quale sede di realizzazione del progetto, nella regione Lazio, appartenenti ad una delle seguenti tipologie:

  1. impresa individuale, in cui il titolare sia una donna, ovvero società di capitali in cui le donne detengano quote di partecipazione pari almeno al 51% e rappresentino almeno il 51% del totale dei componenti dell’organo di amministrazione;
    2. società cooperative, ovvero società di persone in cui il numero di donne socie sia in misura non inferiore al 60% della compagine sociale, indipendentemente dalle quote di capitale detenute.

 

Sora, 14 ottobre ’15

 

 

L’Assessore alle Pari Opportunità

Maria Paola D’Orazio

 

A cura dell’Addetto stampa

 Dott.ssa  Ilaria Paolisso

Read More
Pastorale Digitale Internet è un dono di Dio

Quando internet e’ un dono di Dio?

Internet è un dono di Dio, lo ha affermato il Premio Nobel per la Pace cinese, Xiaobo, lo ritroviamo negli scritti di Padre Antonio Spadaro e in quelli ancor più sommi di  Papa Francesco; lo ricorda a se e a tutti, l’Italian Digital Champion, Riccardo Luna, in un suo recentissimo articolo di blog, oltre che averne fatto un libro; ma soprattutto lo sa molto bene anche il nostro Vescovo, Mons. Gerando, quando, dando vita al progetto di Pastorale Digitale,  afferma: “L’ambiente digitale è dono di Dio, è la sfida avvincente di incontrare Cristo e fare la stessa cosa che fa lui: incontrare gli altri.”

Un ambiente digitale in cui incontrare l’altro, il Fratello, colui che ha bisogno, perché non dimentichiamo che ogni qual volta veniamo incontro ad un nostro fratello, andiamo incontro a Cristo.

Dunque, nell’epoca del 2.0, ormai, i luoghi di incontro sono tecnologici: le piattaforme utilizzate per diffondere e comunicare al cuore delle persone il messaggio della Buona Novella (come ci ricorda il nostro Vescovo); piattaforme di consumo collaborativo, basate su pratiche di condivisione solidali, quasi a diventare alternativa efficace al freddo “individualismo” dovuto soprattutto ai tempi che stiamo vivendo; piattaforme che si basano su uno scambio di beni materiali, servizi e conoscenze. Non ci stupisce più allora che condividiamo online (incontriamo il nostro Fratello) nell’ambito dei trasporti, dei viaggi, dei beni e servizi (ritorna nuovamente in auge la parola baratto), condividiamo luoghi di lavoro, case e rapporti di vicinato,  sempre più in virtù dell’aggettivo iniziale “ Social”.

Si, stando così le cose, possiamo affermare che internet è un Dono di Dio, come lo è per me quando mi da la possibilità di pensare di realizzare una piattaforma in cui mettere in contatto giovani in cerca di lavoro,  con grandi idee per il futuro, ma senza risorse per realizzarle e persone disposte a prestare piccole somme per aiutarli. Incontrare il fratello nell’ambiente digitale è anche quando il bisogno è economico, quando la società in cui viviamo ci costringe quasi all’esclusione sociale, al rischio di trovarci di fronte la trappola delle nuove povertà, dovute alla mancanza di lavoro. Ed avendolo visto personalmente un fratello che soffre per mancanza di lavoro e di pochi fondi per realizzarsi, ho deciso che creare una rete di prestito sociale, fosse il miglior modo possibile, nel mio piccolo, per mettere ancor più a servizio dell’individuo questo Dono. E’ Dono quando mi da anche la possibilità di diffonderlo, di farlo conoscere, di portare il mio Sociallending in giro per l’Italia, virtualmente e attraverso la radio… Da qui l’invito, se volete, a conoscerlo attraverso il portale di Telecom Italia, withyouwedo. telecomitalia.com e ascoltandolo sabato prossimo su Radio 105 dalle 12 alle 14.

Se quello che vi rimarrà  sia leggendo, sia ascoltando del mio Sociallending, è l’incontro degli altri orientando la società verso il bene, allora si, sarò riuscita anche col mio modesto contributo, a dimostrare che Internet è un Dono di Dio.

– Ida Meglio

Read More
Pastorale Digitale Policoro

Pastorale Digitale e Progetto Policoro Diocesano

La Pastorale Digitale sempre dedita ed impegnata alla cooperazione con gli altri uffici diocesani e con le alter pastorali e particolarmente sensibile alle Politiche ed alla dottrina Sociale della Chiesa è in stretta cooperazione e collaborazione con il Progetto Policoro Diocesano.

Al riguardo è stato inserito sul main menu del sito una apposita categoria e link al progetto al seguente link

 

Il Team di Pastorale Digitale

Read More
pastorale Digitale Migrantes

Presentato il Rapporto Italiani nel Mondo 2015

Offriamo alla riflessione dei nostri lettori il Comunicato stampa della Fondazione Migrantes (CS n. 28/2015) che lo scorso 6 ottobre ha presentato il nuovo Rapporto Italiani nel Mondo, uno studio che conduce dal 2005. Da dieci anni, dunque, lo fa con la volontà di “lavorare insieme al mondo scientifico”, aprendosi alle collaborazioni con altri enti e strutture perché si arrivi a una conoscenza sempre più approfondita dei fenomeni sociali che permetta di proporre alla società soluzioni applicabili e strade percorribili; e poi con la volontà di “mettere sempre al centro il migrante” che, in quanto persona, significa complessità e ricchezza nella differenza.

Per ulteriori informazioni: www.migrantesonline.it    r.iaria @migrantes.it

 

 

Migrantes: circa 5milioni gli italiani all’estero. Oltre 100mila nell’ultimo anno

 

Sono 4.636.647 i cittadini italiani residenti all’estero iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) al 1° gennaio del 2015. L’aumento, in valore assoluto, rispetto al 2014 è di 154.532 iscrizioni, +3,3%. La maggior parte delle iscrizioni sono per espatrio (2.443.126) e per nascita (1.818.158).

Sono solo alcuni dati contenuti nel Rapporto “Italiani nel Mondo” della Fondazione Migrantes presentato questa mattina (6 ottobre 2015 n.d.r.) a Roma.

Dalla lettura dei dati emerge che pur restando indiscutibilmente primaria l’origine meridionale di flussi, si sta progressivamente assistendo a un abbassamento dei valori percentuali del Sud a favore di quelli del Nord del Paese. Ciò consegue dal fatto che, negli ultimi anni, pur restando la Sicilia con 713.483 residenti la prima regione di origine degli italiani residenti all’estero seguita dalla Campania, dal Lazio e dalla Calabria, il confronto tra i dati degli ultimi anni, pone in evidenza una marcata dinamicità delle regioni settentrionali, in particolare della Lombardia (+24 mila) e del Veneto (+15 mila).

Da gennaio a dicembre 2014, hanno trasferito la loro residenza all’estero per espatrio 101.297 cittadini italiani, in prevalenza uomini (56,0%), celibi (59,1%), tra i 18-34 anni (35,8%), partiti principalmente dal Nord Italia per trasferirsi, soprattutto in Europa.

La crescita, in valore assoluto, è di tutte le classi di età. In particolare: 62.797 sono in età lavorativa avendo tra i 18 e i 49 anni; i minori sono 20.145 e di questi il 12,8% ha meno di 10 anni; hanno più di 65 anni 7.205 persone, di cui 685 hanno più di 85 anni. Tra questi ultimi il 54,2% sono donne.

 

Il Volume

 

Per l’edizione 2015 la pubblicazione, unica nel suo genere in Italia, conserva la struttura dell’anno precedente. L’attenzione per la mobilità di oggi si definisce con la sezione dedicata alle Indagini e quella dedicata alle Esperienze contemporanee dove vengono presi in considerazione luoghi – Australia, Nuova Zelanda, Europa, l’Asia – e temi – i rientri/i non rientri, la rete, – che cercano di indagare caratteristiche, modalità, peculiarità delle nuove forme di mobilità in relazione all’esperienza passata e al contesto nazionale ampliato all’identità e all’esperienza europea o internazionale e cosmopolita.

Nella sezione delle Esperienze viene inaugurato un nuovo appuntamento annuale dedicato a un testimone, ovvero a una particolare figura che si è distinta nel campo della mobilità italiana. Il protagonista di quest’anno è Don Noè Tamai che ha dedicato e continua a dedicare la sua vita ad aiutare ad acquisire la cittadinanza agevolando la ricostruzione genealogica soprattutto rispetto alle richieste che giungono dall’America latina e dal Brasile in particolare. Attraverso l’intervista da lui rilasciata, è possibile approfondire cosa significhi il riacquisto della cittadinanza italiana per generazioni successive alla prima che non parlano italiano e non conoscono nulla dell’Italia se non le immagini che derivano dai racconti ripetutamente ascoltati in famiglia a centinaia di migliaia di chilometri di distanza.

La mobilità transnazionale, la condizione linguistica, il migrare nell’era digitale, la comunicazione dell’emigrazione italiana e l’uso della lettera oggi sono, invece, i temi presenti nelle Riflessioni.

La quarta parte contiene, come lo scorso anno, gli Speciali. Il primo è dedicato agli anniversari che ricorrono nel 2015: il centenario del primo conflitto mondiale (1915-2015) e quello del terremoto abruzzese con epicentro nel Fucino; il cinquantenario della tragedia di Mattmark (agosto 1965) e quello dal Concilio Vaticano II (1962-1965) con particolare attenzione al Magistero da Giovanni XXIII a Paolo VI.

La seconda e complessa sezione, invece, raccoglie una serie di contributi dedicati ai mestieri che hanno fortemente caratterizzato l’italiano all’estero – il minatore, il barbiere, il viticoltore, il ramaio, il vetraio, il gelatiere, il ristoratore, fino ad arrivare all’attualissimo calciatore e al fine specialista dell’arpista o del riquadratore – costruiti nell’ottica di attualizzazione della storia. Pur partendo da mestieri del passato sorprende arrivare a conoscere personaggi tuttora viventi che quel lavoro lo hanno fatto, feste che ricordano un mestiere e che vengono organizzate annualmente per non dimenticare. La memoria, dunque, come elemento portante e legame forte del divenire che intreccia la più antica macchina per conservare il gelato a una moderna gelateria, un’arpa di legno fatta a mano a un’arpa elettronica, nella certezza che conoscere la storia serve a capire il presente e a evitare di commettere gli stessi sbagli e di superare più facilmente gli ostacoli che si presentano lungo il cammino. Infine la prospettiva storica dove personaggi, luoghi e temi vengono affiancati nella loro eterogenea ricchezza. Chiudono gli allegati socio-statistici e la bibliografia ragionata delle più recenti pubblicazioni dedicate all’emigrazione italiane.

 

A questa edizione – di oltre 500 pagine – hanno collaborato 53 autori con 50 contributi ed approfondimenti dall’Italia e dall’estero.

A presentarlo S.E. Mons. Guerino Di Tora, presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes; Dott.ssa Delfina Licata, curatrice del Rapporto Italiani nel Mondo; Prof. Alessandro Rosina, Docente di Demografia e Direttore L.S.A. dell’Università Cattolica del Sacro Cuore; Prof.ssa Marina Timoteo, Direttore AlmaLaurea; Prof.ssa Flavia Cristaldi, Docente di Geografia delle Migrazioni dell’Università di Roma La Sapienza. Per le istituzioni: il Sen. Claudio Micheloni, Presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero del Senato. A concludere Mons. Gian Carlo Perego, Direttore generale della Fondazione Migrantes. L’incontro è stato moderato da Mimmo Muolo, giornalista di Avvenire.

Durante la presentazione, il Direttore di TV2000 Paolo Ruffini ha presentato il video del Rapporto Italiani nel Mondo 2015.

 

Il Decennio del Rapporto Italiani nel Mondo

 

2006-2015: dieci anni di Rapporto Italiani nel Mondo. Dieci anni di impegno culturale della Fondazione Migrantes per la mobilità italiana di ieri e di oggi. In questo arco di tempo

molte cose sono cambiate in Italia. L’ultimo decennio è stato contraddistinto da una serie di elementi e situazioni nazionali e internazionali che hanno portato a un profondo cambiamento nelle caratteristiche della mobilità in generale, di quella italiana in particolare e del nostro Paese, che si è sempre più confermato quale meta strutturale per tanti immigrati giunti nel corso degli anni.

L’Italia, quindi, sta vivendo una nuova fase della sua storia migratoria: da paese di emigrazione, si diceva solo qualche anno fa, a meta di immigrazione. Oggi possiamo dire che il Belpaese è ancora terra di partenze e di arrivi e ultimamente sempre di più di sbarchi di centinaia di persone in fuga e alla ricerca di protezione internazionale.

La migrazione è cambiata perché è lo scenario mondiale ad essere mutato. L’Italia, in questo contesto internazionale ed europeo, sta vivendo una delle più lunghe recessioni economiche e occupazionali. I giovani, i lavoratori, le famiglie, persino gli anziani sono in partenza.

L’analisi del decennio mostra chiaramente questa escalation: in dieci anni si è passati dai 3.106.251 iscritti all’Aire (dato del 2006) ai 4.636647 del 2015 con una crescita del +49,3% in dieci anni.

È evidente l’assottigliamento costante, anno dopo anno, della differenza di genere tra gli italiani che risiedono all’estero così come è facilmente constatabile che la crescita ha riguardato tutti i continenti ma, in particolar modo, l’Europa e l’America. L’Asia si sta, invece, contraddistinguendo per uno specifico dinamismo in questi ultimi anni.

I paesi che, nel mondo, accolgono le comunità di italiani più numerose sono quelli che mostrano anche le crescite più incisive nel decennio come l’Argentina, la Germania e la Svizzera. Interessante l’evoluzione nel tempo che contraddistingue il Brasile nel continente americano e il Regno Unito in Europa, due contesti lontani e diversi ma attualmente entrambi protagonisti dei flussi più recenti.

Cover RIM_2015_I

 

Read More
Pastorale Digitale diocesisora pastoraledigitale.org

5000 articoli pubblicati: la Pastorale Digitale fa festa!

La quota dei 5000 articoli pubblicati è, sicuramente, un traguardo da festeggiare ed il team al completo della Pastorale Digitale ha accolto la notizia con straordinario entusiasmo.  Il risultato raggiunto premia gli sforzi e l’impegno che, a titolo volontario, lo staff della realtà “digitale” della Diocesi di Sora Cassino Aquino e Pontecorvo ha messo in campo al servizio di una Chiesa rinnovata che vuole comunicare e lo fa sfruttando tutti i mezzi, anche i più moderni.

La Pastorale Digitale ha raccontato storie e persone, ha seguito tutti gli eventi diocesani con la stessa attenzione e la stessa voglia di “mettere in rete” esperienze, emozioni e percorsi di fede. Sotto la guida del Vescovo Mons. Gerardo Antonazzo, il gruppo di lavoro ha messo a frutto i propri “talenti”  per portare, al di là dei confini fisici del territorio, la bellezza della verità del messaggio di Cristo, sfruttando, sulle orme di San Paolo, strumenti di evangelizzazione nuovi ed al passo con i tempi.

I 5000 articoli sono andati a popolare in maniera sistematica, accurata e dinamica il portale diocesisora.it, dopo l’opera di restyling del dicembre scorso. Oggi il sito è più fruibile, sempre aggiornato e con un notevole incremento del numero di visitatori. Grazie all’opera della Pastorale Digitale il portale è visto quotidianamente non solo da semplici lettori ma anche dai media che seguono con un interesse rinnovato la vita della diocesi.

Un successo da incorniciare, quindi, che apre la strada ad altri brillanti traguardi da raggiungere in futuro con la determinazione e lo spirito di servizio di questo team tutto al “digitale”.

– Ilaria Paolisso

Read More
Pastorale Digitale Riforma del Matrimonio

Papa Francesco riforma i processi di nullità del matrimonio

In estrema sintesi: se la situazione di nullità è chiara ed evidente, processo breve, decide e giudica il Vescovo. Altrimenti si segue la prassi, ma resa più scorrevole e veloce e non dispendiosa.

Qualcuno ha iniziato a parlare di “divorzio cattolico” a cui il Papa avrebbe fatto una qualche apertura. Come se il fare umano, accogliente e sorridente di Papa Francesco significasse cedimento sul piano dottrinale. In realtà il Papa ha pubblicato sì un documento sul matrimonio, ma, per la precisione, sulla riforma del processo canonico per le cause di nullità del matrimonio.

Si tratta di una Lettera apostolica in forma di Motu proprio dal titolo “Mitis Iudex Dominus Iesus” – “Il Signore Gesù giudice mite” per il codice canonico (più un’altra, “Mitis et misericors Jesus“, per le Chiese orientali), pubblicata lo scorso 8 settembre.

Nel documento, prima di entrare nel merito, Francesco ribadisce che la principale preoccupazione, il “fine supremo”, è “la salvezza delle anime” e che, “seguendo le orme dei predecessori“, resta “fermo comunque il principio dell’indissolubilità del vincolo matrimoniale“; spiega poi che la riforma mira alla semplificazione e allo snellimento della procedura della dichiarazione di nullità di un matrimonio. Dunque, non divorzio, non “scioglimento” del vincolo matrimoniale, e neppure “annullamento”, ma “dichiarazione di nullità”, vale a dire riconoscere che per qualche ragione quel matrimonio celebrato è nullo, non valido. Infatti afferma che si vuol favorire “non la nullità dei matrimoni, ma la celerità dei processi, non meno che una giusta semplicità”; inoltre si vuole ridurre la distanza, fisica o morale, delle strutture giuridiche della Chiesa dai fedeli. Questo perché carità e misericordia esigono che la Chiesa “come madre si renda vicina ai figli che si considerano separati”.

Chi si prendesse la briga di andare a leggersi il documento originale, vedrebbe che si tratta di disposizioni perfettamente e semplicemente coerenti al vangelo, che è l’ispirazione di tutto l’agire, il parlare e l’operare di Papa Francesco.

Egli, prima di enumerare, con linguaggio necessariamente giuridico, gli articoli della nuova normativa, presenta e illustra i criteri che hanno guidato questa riforma, studiata con un gruppo di “persone eminenti per dottrina giuridica, prudenza pastorale ed esperienza forense”, e auspicata anche dal Sinodo dei vescovi sulla famiglia nella sessione straordinaria di ottobre 2014 (v. Relatio Synodi n. 48) come pure nella consultazione capillare confluita nell’ Instrumentum laboris su cui il Sinodo lavorerà dal 4 al 25 ottobre 2015. Criteri giusti e ineccepibili, che di seguito riassumiamo.

Per avere il giudizio definitivo basterà una sola sentenza in favore della nullità esecutiva, non più la doppia decisione: è sufficiente cioè la certezza morale raggiunta dal primo giudice a norma del diritto. Questo abbrevia di molto i tempi.

Viene costituito un giudice unico, ecclesiastico, sotto la responsabilità del Vescovo.  Lo stesso Vescovo è giudice nella sua Chiesa, tra i fedeli a lui affidati di cui è pastore e capo.

Novità: viene istituito il processo più breve (in aggiunta a quello documentale attualmente vigente), per risolvere i casi di nullità più evidente. In tale processo il giudice è lo stesso Vescovo, in forza del suo ufficio pastorale. Viene ripristinato l’appello al Vescovo Metropolita, capo della provincia ecclesiastica comprendente più diocesi.

Il Papa raccomanda alle Conferenze Episcopali di favorire e organizzare tale riforma del processo matrimoniale, per raggiungere i fedeli dispersi, con il ripristino della vicinanza tra il giudice e i fedeli. Queste, inoltre, debbono, per quanto possibile, assicurare la gratuità delle procedure, “perché la Chiesa, mostrandosi ai fedeli madre generosa, in una materia così strettamente legata alla salvezza delle anime, manifesti l’amore gratuito di Cristo dal quale tutti siamo stati salvati”.

Viene mantenuto l’appello al Tribunale ordinario della Sede Apostolica, cioè la Rota Romana (che sarà al più presto adeguata alle nuove regole), nel rispetto di un antichissimo principio giuridico, così che venga rafforzato il vincolo fra la Sede di Pietro e le Chiese particolari.

Dunque, anche stavolta l’intervento di Papa Francesco, alla luce del Vangelo di Cristo, riguarda la famiglia, tema che gli sta evidentemente molto a cuore, che ha preso in carico e di cui si sta facendo portavoce in lungo e in largo, con l’intento di avvicinare la Chiesa alla realtà concreta della gente e la gente a Cristo e ai valori eterni che la Chiesa diffonde. E si dimostra ancora una volta attento e vigile sulle situazioni umane non giuste: si è reso conto del forte disagio di tante coppie che sia per accedere al tribunale sia per aspettare la definizione del giudizio, debbono sottoporsi ad oneri non indifferenti e a tempi lunghi se non lunghissimi prima di accertare il loro stato, restando troppo a lungo nell’incertezza e nel dubbio. Allora va loro incontro, comprendendo la loro pena. Non cambia la dottrina sul matrimonio, ma decide di velocizzare le procedure e ridurre le sofferenze e le discriminazioni esistenti.

Questo è il frutto della misericordia con cui Francesco si accosta alle persone. E’ un’altra lezione di misericordia, prima ancora che il Giubileo straordinario della Misericordia abbia inizio. Grazie, Papa Francesco.

Adriana Letta